Notizie da Sesto San Giovanni

Di Stefano: Knockout al sindacato, " non esiste più la Stalingrado italiana. "

SESTO S.G., DI STEFANO: “TRIBUNALE LAVORO CI DÀ RAGIONE: CONDOTTA DEL COMUNE CORRETTA, SMASCHERATE FALSE ACCUSE SINDACATI”

“Abbiamo ricevuto il responso e le motivazioni del Tribunale del Lavoro in merito al ricorso promosso dai sindacati Cgil, Cisl e Uil contro una presunta condotta anti-sindacale da parte del Comune di Sesto San Giovanni: in 4 punti su 5 il giudice ci ha dato ragione respingendo le rimostranze dei sindacati e ha dichiarato che non vi è stata alcuna condotta anti-sindacale da parte del Comune. È una sentenza che accogliamo positivamente perché prova la bontà del nostro lavoro in tema di rapporti e relazioni sindacali e smaschera invece i tentativi di certi sindacati politicizzati che vogliono screditare la nostra amministrazione”. Così Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Gianpaolo Pietra SestodemocraticaLa Democrazia non si multa.

La Democrazia non si lascia multare.
Il Sindaco Di Stefano continua nel suo attacco alla città atteggiandosi più che da sindaco da podestà.
L'ultima trovata è quella di multare le associazioni di via Giardini per i cartelli esposto contro la vendita delle loro sedi e addirittura per le strisce bianche di stoffa appese alle inferriate delle finestre delle associazioni come segno di protesta contro la decisione dell'amministrazione.
Alla notizia della messa all'asta delle storiche sedi delle associazioni Articolo UNO ha lanciato la proposta di legare alle inferriate le strisce di stoffa bianche in segno di protesta civile e molti cittadini hanno risposto annodando le strisce e l'Aned le ha impreziosite con i nomi dei deportati; sono state tolte da addetti dell'amministrazione e sono state rimesse: ora le multe.
Siamo davvero di fronte ad una deriva che non è più tollerabile, un sindaco che tace sul coinvolgimento di un suo assessore nell' "affaire Russia", un sindaco che scappa assieme alla sua assessora di fronte alle richieste di incontro delle associazioni non merita di essere al governo di una città come Sesto San Giovanni e ne deve rispondere in Consiglio Comunale, subito.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Approvata una collaborazione con l'istituto Salesiani per aiutare gli anziani in difficoltà attraverso l'alternanza scuola lavoro.

La giunta comunale di Sesto San Giovanni ha approvato una delibera che prevede la collaborazione con la scuola professionale e gli istituti tecnici Salesiani Opere Sociali Don Bosco per aiutare, attraverso l’alternanza scuola-lavoro, le persone anziane che vivono nella propria abitazione situazioni di grave disagio socio-economico e di isolamento. Gli anziani in carico al servizio di Sesto San Giovanni sono circa 250, di cui il 70% over 85.
Il progetto concordato con gli istituti tecnici Salesiani Opere Sociali Don Bosco prevede che attraverso l’alternanza scuola-lavoro si possano realizzare percorsi a favore di anziani in carico al servizio sociale, progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica o formativa, sulla base di un’apposita convenzione.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Il Sindaco vuole cancellare la storia e dividere la città.

«Noi, in Parlamento, abbiamo fatto ciò che dovevamo fare e che potevamo fare rispetto alla vicenda che ha coinvolto le associazioni di Sesto San Giovanni: abbiamo sollevato una questione che riguarda il territorio di Sesto ma che è anche nazionale. Il valore di ANED e del loro archivio conservato a Sesto, infatti, va oltre il territorio sestese e, quindi, credo che sia stato giusto porre la questione a livello nazionale. Con un’interrogazione depositata in Senato, abbiamo chiesto al Governo cosa si intenda fare per tutelare questo patrimonio, che è di Sesto San Giovanni ma è anche del Paese. Ovviamente abbiamo sollevato la questione a livello nazionale anche sapendo che c’è una questione più generale che riguarda il rapporto conflittuale che ha l’attuale amministrazione sestese con l’associazionismo. Una vicenda come quella della messa all’asta della palazzina in Via Dei Giardini (dove sono ospitate diverse associazioni, tra cui ANED) dimostra come vi sia una volontà punitiva da parte dell’amministrazione comunale nei confronti delle associazioni e, soprattutto, nessuna volontà di dialogo». Lo ha detto il senatore Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato ed eletto nel collegio di Sesto, intervenendo all’assemblea con le associazioni sestesi organizzata dal PD di Sesto San Giovanni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Gianpaolo Pietra SestodemocraticaComunicato stampa Art-Uno Sesto San Giovanni

Triste estate questa per la nostra città tra l’attacco continuo alle associazioni del territorio con l’asta per la vendita delle sedi nelle quali svolgono la loro attività sodalizi storici che offrono servizi alla cittadinanza e che sono strumenti preziosi della memoria attiva della nostra storia, il caos nei servizi educativi estivi e con due nidi che a settembre riapriranno sotto la gestione di una fondazione creata alla bell’e meglio che è soltanto una scatola vuota, con l’ulteriore precarizzazione delle educatrici che giustamente scappano, con il voluto impoverimento dell’offerta dei servizi di cui Sesto è sempre stato esempio, con l’assessore D’Amico al centro di uno scandalo internazionale, una gravissima vicenda che mette in dubbio la tenuta del governo ed intacca le relazioni internazionali del nostro Paese.
Sempre più urgente e necessario che si organizzi una diffusa opposizione a questa amministrazione che si è posta da subito un solo obiettivo: quello di cancellare la storia della nostra città e il suo tessuto civico e sociale, di impoverirla, con azioni piene di astio e odio verso la comunità, di renderla anonima parte di hinterland, un’opposizione che veda insieme le forze attive del civismo cittadino, il mondo associazionistico e le forze politiche sinceramente democratiche per costruire insieme una nuova visione di città, per costruire il suo futuro.
Invitiamo le cittadine e i cittadini a partecipare al presidio di mercoledì 17 al fianco delle associazioni di via Giardini e ci uniamo alla richiesta delle forze di opposizione presenti in Consiglio Comunale che il Sindaco riferisca in Consiglio Comunale sull’incredibile vicenda che coinvolge l’Assessore D’Amico del quale chiediamo le immediate dimissioni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Sesto nel Cuore chiede le dimissione dell'assessore D'amico.

SESTO NEL CUORE CHIEDE ALL’ASSESSORE D’AMICO DI RASSEGNARE LE SUE DIMISSIONI DA ASSESSORE ALLA SICUREZZA
Sesto San Giovanni, 15 Luglio 2019
La nostra città in questi giorni è sulle prime pagine dei giornali purtroppo non per un qualche successo o qualche nuovo progetto, ma per una vicenda di carattere nazionale.
La vicenda che coinvolge un importante Assessore della giunta Di Stefano è molto delicata.
Non vogliamo soffermarci sugli aspetti giuridici o politici seppur importanti.
Vogliamo soffermarci sull’attività in giunta dell’Assessore che dal 29 agosto 2018, giorno in cui inizia ufficialmente la sua mansione di “Consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale del Vice Presidente Sen. Salvini”, salta 27 sedute su 51 della Giunta di Sesto San Giovanni (più della metà delle sedute!).
Riteniamo che se anche non vi fossero elementi ostativi legati all’inchiesta della Procura (al momento l’Assessore D’Amico non risulta formalmente indagato) questa sua perdurante assenza non gli consenta di svolgere al meglio il ruolo di Assessore per cui viene retribuito dalla nostra città.
Oggi, ancor più viste le delicate inchieste giornalistiche che lo riguardano e le ombre sull’operato di alcune società che egli rappresenta, come si è potuto leggere su importanti organi di stampa, è giunto secondo noi il momento di sostituirlo.
E per questo, ma non solo per questo, riteniamo giusto che si sia chiesto allo stesso Assessore e al Sindaco di riferire urgentemente presso l’aula del Consiglio Comunale, ma non basta.
Noi di Sesto nel Cuore siamo garantisti, ma riteniamo che sia doveroso che lo stesso rassegni immediatamente le sue dimissioni, invitando il Sindaco Di Stefano a prendere posizione e la Lega a indicare al Sindaco un esponente del territorio che si occupi solo ed esclusivamente della nostra città e delle sue tantissime problematiche.
Sesto ha bisogno di un Assessore che svolga con costanza, efficienza e determinazione il ruolo per cui è retribuito, niente altro.
Sesto Nel Cuore

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Da ex Salesiano a presidente della Consulta delle associazioni.

Gabriele Corsani è il presidente della Consulta delle Associazioni
Pronti per lavorare in rete nell'interesse della Città
E' Gabriele Corsani il presidente della Consulta delle Associazioni nominato dal sindaco Roberto di Stefano in accordo con l'assessore all'associazionismo Roberta Pizzochera.
"Gabriele Corsani – dichiara il sindaco - è una persona che unisce, in grado di fare rete sul serio e nell'interesse della città. Con il mondo associativo abbiamo iniziato un percorso di messa in comune di esperienze e competenze, naturalmente per chi ha voglia di farlo.
"Abbiamo scelto Corsani per la sua indubbia capacità di dialogare con le associazioni, ottimamente dimostrata nell'organizzazione di complessi eventi cittadini ma anche per le sue competenze, la sua grande esperienza nel sociale e la sua attenzione ai bisogni delle persone più fragili", dichiara l'assessore Pizzochera che continua: "La Consulta avrà una importante funzione di coordinamento delle associazioni in un'ottica di servizio alla Città. Insieme affiancheremo le associazioni in vista della riforma del terzo settore, le supporteremo nello sviluppo della loro attività e nella ricerca di fonti di finanziamento per valorizzare il loro fondamentale ruolo di ascolto e di risposta anche sulle fragilità emergenti. Mi piace pensare alla Consulta come in grado di lavorare con le associazioni attuando quanto sostenuto da Madre Teresa di Calcutta "Io posso fare cose che non tu non puoi, tu puoi fare cose che io non posso. Insieme possiamo fare grandi cose".

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Il Partito Democratico sestese apre le proprie porte alle associazioni!

Lunedì 15 luglio alla Casa delle Associazioni in Piazza Oldrini 120 avrà luogo un’assemblea aperta a tutti i cittadini dove sono stati invitati i senatori Simona Malpezzi e Franco Mirabelli, firmatari dell’interrogazione parlamentare sugli sfratti alle associazioni sestesi. Con loro ci chiederemo quale futuro possa essere possibile per le associazioni sestesi dopo gli ultimi avvenimenti.

Questa amministrazione comunale ha sin da subito osteggiato le attività delle associazioni e dei loro volontari creando così un danno enorme al tessuto sociale della città, un danno enorme per tutti i sestesi che di questo passo vedranno indeboliti o scomparsi alcuni dei servizi unici che solo il volontariato ha saputo assicurare a tutti.

Sesto non può più aspettare, ha bisogno di un progetto che dia nuovamente forza alle mille anime che hanno sempre costituito la ricchezza della città, costruiamolo insieme!

Introduce e media la serata Nicola Lombardo, segretario cittadino Partito Democratico e sarà presente il gruppo Consigliare del Partito Democratico sestese.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Informazioni aggiuntive