Per quanto ci riguarda, noi della Lista Civica Giovani Sestesi eravamo al fianco dei lavoratori del CDD quando la Giunta Chittò li ha messi in difficoltà; eravamo e siamo al fianco dei lavoratori e contro la vendita delle Farmacie comunali, che lei vuole svendere rendendo ancora più povera e arida la Città; eravamo al fianco della bocciofila e contro la giunta Chittò quando ha fatto tutto per chiuderla... contro l'assegnazione del Carro Ponteper due cocomeri e un peperone ad Arci e contro il nuovo centro commerciale al capannone ex Falck T5.
Ci chiediamo invece lei da che parte sta, quando soltanto un anno fa era con i commercianti sestesi contro il nuovo mostro commerciale?;
ci chiediamo dove sta lei che lottava per i servizi dei cittadini in difficoltà e oggi li chiude senza scrupolo e senza vergogna, barricandosi dietro la scusa di un “disavanzo” che è solo tecnico e che non le impedisce di sperperare soldi della città per i suoi fini di immagine.
A lei Sindaco Di Stefano non abbiamo la pretesa di dare lezioni di politica, ma non accettiamo lezioni da nessuno men che meno da colui che in un anno ha fatto ben poco di concreto.Non abbiamo nulla da imparare da un Sindaco che svende l'unica azienda pubblica comunale che produce utili in Città e che rappresenta un pilastro del tessuto sociale di Sesto San Giovanni.
Svendere le farmacie per fare cassa è come pretendere di diventare ricchi giocando alle slot machine: un'utopia.
Le ricordiamo che noi siamo la Lista Civica Giovani Sestesi. Mettiamo al centro la Città e i sestesi.
Con le bugie potrà ammansire il popolo di facebook, ma non potrà raccontare frottole ai tanti sestesi che dal Governo della Città attendono risposte concrete.

Si ricordi che a Sesto non ha vinto la Destra, ma ha perso la Sinistra. E i sestesi sono già stanchi delle sue polemiche e delle sue bugie.

Paolo Vino
Segretario Politico
Lista Civica Giovani Sestesi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Informazioni aggiuntive