“Marco e Mario sono amici e ci siamo confrontati apertamente e senza remore. Sesto Nel Cuore ha deciso di togliere il simbolo dalla maggioranza e loro ne hanno compreso le motivazioni. Il voto ricevuto è un voto che legittimava, una politica lontana da quella attuale, una politica fondata su lealtà, reali interessi della città, trasparenza e dialogo. Marco e Mario hanno svolto il loro ruolo con passione e lealtà e li ho lasciati liberi sulla decisione da prendere.
La città ha sicuramente bisogno di persone come loro. Auguri di cuore a Marco e Mario” – conclude Gianpaolo Caponi.
Dal conto suo Marco Lanzoni, dopo il confronto con il capogruppo di Sesto Nel Cuore Mario Molteni, afferma: “la stima personale e l’amicizia con Gianpaolo restano intatte. Sulle dimissioni di Gianpaolo sono state date tante versioni, ma ora che le nostre strade si separano, una circostanza, che non ha mai reso nota, gli fa onore.
Di fronte alle sue difficoltà di convivenza all’interno della Giunta, prima che lui si dimettesse da Vicesindaco, rifiutò “vie d’uscita” più prestigiose rifiutando questi incarichi senza esitazione, affermando solo di voler restare a lavorare per la città, per il rispetto dei nostri elettori”.
“Anche se separati continueremo, ognuno per la sua strada, a lavorare per la città” – affermano insieme Gianpaolo Caponi, Marco Lanzoni e Mario Molteni.
Gianpaolo Caponi Marco Lanzoni e Mario Molteni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Informazioni aggiuntive