Notizie da Sesto San Giovanni

Reunion di Bersaglieri a Sesto San Giovanni.

Per il secondo anno consecutivo i bersaglieri arrivano alla Rondinella di Sesto San Giovanni, grazie all'impegno di Flavio Minardi ex bersagliere che s'e messo d'impegno per organizzare una sorta di reunion dei bersaglieri del nord Milano.
L'anno scorso alla prima edizione di quello che nelle intenzioni di Flavio deve diventare un evento fisso i partecipanti furono soltanto dodici ma poi si sa, la parola passa di Fetz-in-Fetz e da dodici quest'anno sono diventati 55.
Ai bersaglieri riuniti a Sesto San Giovanni quest'anno non è mancato nemmeno il saluto del primo cittadino Monica Chittò che si è anche  prestato la classica fotografia di rito.
Giunti alla spicciolata con i loro cappelli piumati intorno alle 11.30 si sono recati prima alla Pasticceria Camozzi " anche egli ex Bersagliere " per un aperitivo in seguito intorno all'una tutti insieme alla pizzeria Il Gallo prenotata appositamente per l'evento.
Per il 2017 la data è già stata fissata " il 29 gennaio " e Flavio oltre che ha triplicare le presenze sì impegnerà per portare la famosa Fanfara de Bersaglieri a Sesto San Giovanni.
Arrivederci al prossimo anno, e tanti auguri per la riuscita di questo evento a Flavio Minardi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San giovanni

I risvolti internazionali nella gestione delle risorse planetarie

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Sestodemocratica ormai fuori dalla sinistra aderisce al coordinamento no al referendum costituzionale.

Sestodemocratica ha aderito al comitato nazionale di coordinamento al no al referendum costituzionale e si impegna ad essere parte del nascente comitato locale, nella convinzione che con questa riforma venga impoverita la democrazia attraverso un accentramento del potere nelle mani dell’esecutivo a scapito del Parlamento.
L’insieme della riforma costituzionale e della nuova legge elettorale permette ad un partito e al Presidente del Consiglio di controllare il Parlamento e di governare in assenza dei contrappesi pensati dai padri costituenti per garantire le regole democratiche della nostra Repubblica.
Non siamo tra quelli che gridano al “golpe”, ma riteniamo sia decisamente negativa l’impalcatura di questa riforma che gli italiani nella sua essenza hanno già respinto con il referendum del 2006.
Sono state ridicolmente coperte le statue “nude” nei musei capitolini per la visita del premier iraniano, la democrazia e la rappresentanza nel nostro Paese non vogliamo sia coperta.
Solo una democrazia “nuda” può essere viva.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Giorgio Floridi

Commercio: chiude l'ennesima saracinesca a Sesto San Giovanni

L'ennesima serranda si abbassa in città, la CLINICA DEL COMPUTER " Via Podgora " cessa la sua attività e Giorgio Floridi punta il dito anche alle istituzioni cittadine, sorde e ceche di fronte hai problemi del commercio di vicinato troppo spesso lasciato solo e senza aiuti oltre che alla mancanza di sensibilità e di ascolto delle associazioni di categoria, lo storia del negozio di Giorgio Floridi è comunque ormai tristemente identica alla storia di decine di negozi dell'interland Milanese costretti a chiudere perchè impotenti di fronte a questa crisi che sembra finita solo nel sentire dei nostri politi, mentre invece è ancora più viva che mai.

N.D.R

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Cologno Monzese

Riqualificazione del patrimonio arboreo

In fase di avvio una vasta operazione di riqualificazione del patrimonio arboreo cittadino di Cologno Monzese. L’Assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Di Bari spiega: “A breve partirà un lotto di lavorazioni del valore di circa 100.000 euro, che prevede interventi di riqualificazione e miglioramento del nostro patrimonio verde, nonché interventi di abbattimento o potatura di alcune alberature pericolose. Sappiamo che il lavoro da fare è tanto perché l’ultima sistemazione organica del verde risale addirittura al 2008, ma noi stiamo lavorando per recuperare il tempo perduto”. Il Sindaco Angelo Rocchi aggiunge: “Per motivi di sicurezza abbiamo recentemente commissionato, ad un esperto perito agronomo, uno studio di verifica dello stato di salute delle piante presenti in città. Dallo studio è emerso che vi sono varie piante che purtroppo non sono sufficientemente solide che potrebbero, per crollo totale o caduta di alcuni palchi di rami, causare danni all’incolumità delle persone. Per questo abbiamo avviato anche una campagna di abbattimenti e potature mirata esclusivamente alla messa in sicurezza degli alberi instabili e pericolosi, come ad esempio è il caso di quelli di via Volta/Vespucci. Resta inteso che la tutela dell’ambiente è una priorità essenziale della mia Amministrazione, ed è per questo che interveniamo con le potature stagionali e la “pulizia” dei palchi che servono a rigenerare le piante, e cercheremo di sostituire tutte le essenze che, nostro malgrado, saremo costretti ad eliminare per motivi di sicurezza. E’ altrettanto chiaro, però, che la tutela dell’incolumità pubblica deve prevalere su ogni altra considerazione, tanto più poiché si tratta di uno dei compiti espressamente delegati al Sindaco”.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Le perplessita della lista Sesto nel Cuore subito placate dal PD Sestese.

I consiglieri della Lista Civica Sesto Nel Cuore con il loro comunicato lasciano trasparire molta agitazione e nervosismo.
Per questo ci piacerebbe tranquillizzarli: state pure sereni, il Partito Democratico è forte, unito e compatto e lavorerà come ha sempre fatto nella maggioranza di governo e in consiglio comunale per l'interesse della città.

 

Marco Esposito Segretario PD Sesto San Giovanni
Marco Tremolada capogruppo PD Sesto San Giovanni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

sestodemocratica schierata con i lavoratori della ALSTOM " ma non sarà già troppo tardi ! "

Sestodemocratica aderisce all’appello lanciato dai lavoratori dell’Alstom contro la chiusura di uno dei siti sestesi acquisito dalla General Elettric e facendolo suo chiama le cittadine e i cittadini a partecipare al presidio in piazza della Resistenza venerdì 22 alle 15,00.
La logica del profitto delle multinazionali non deve passare lasciando a casa centinaia di persone che costituiscono con la loro capacità e le loro conoscenze un’eccellenza del nostro territorio, donne e uomini, tecnici, operai, impiegati, ingegneri che costituiscono una vera risorsa non solo per la nostra città, ma per tutto il nostro continente.
Bene ha fatto l’Amministrazione comunale a non esitare a mettersi al loro fianco e a chiedere l’impegno di Regione e Ministero perché qui sia mantenuta la sede produttiva e di ricerca, e la presenza delle istituzioni cittadine alla manifestazione in Prefettura ha rappresentato un forte segnale a nome della città.
La Regione è impegnata dalla mozione approvata ieri in Consiglio Regionale.
La città tutta non può che stringersi attorno alle lavoratrici e ai lavoratori dell’Alstom per la difesa del lavoro, della conoscenza e del tessuto vivo del proprio territorio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Per gli amanti della bicicletta, manca partecipazione nelle scelte sulla viabilità.

Volevo segnalare alcune problematiche relative alle piste ciclabili di Sesto. Mi riferisco in particolare alla zona di Rondò e di Via Rovani. Il tratto di ciclabile su Via Casiraghi compreso tra Via Rovani e Via Bandiera porta al nulla: la pista si interrompe sul marciapiede. Inoltre quel tratto ha diversi ostacoli pericolosi: un parchimetro rivolto verso la pista, alberi e panettoni di cemento a separare i due sensi di marcia. Sarebbe utile cancellare quel tratto, o in alternativa prevedere un modo regolare per scendere dal marciapiede.
Su Via Rovani, alcuni condomìni espongono la spazzatura occupando quasi per intero la sede della ciclabile, durante i giorni previsti. Le alternative ci sarebbero: come fanno altri condomini, si può posizionare la spazzatura tra il marciapiede e la pista, in corrispondenza della linea degli alberi, evitando ai pedoni e ai ciclisti l'incomodo di dover uscire dagli spazi a loro dedicati, con tutti i rischi del caso.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Informazioni aggiuntive