Notizie da Sesto San Giovanni

Si vede una luce in fondo al tunnel?

L’antefatto: da una serie di articoli ospitati su testate di informazione sia locale sia nazionale avevamo appreso che il sindaco Roberto Di Stefano, di concerto con la sua Giunta, aveva disposto lo sfratto per tre associazioni iscritte all’Albo delle Associazioni del Comune di Sesto San Giovanni: “Ventimila Leghe”, “Le Malandre” e “Lucrezia Marinelli”.
Oggi, forse, il loro destino appare meno incerto. Un comunicato congiunto informa infatti di un incontro alla presenza dell’Assessore A. Tittaferrante e del Vicesindaco, G. Caponi. Quest’ultimo, si legge nel testo del comunicato, “si è impegnato con le tre realtà a sospendere il procedimento di sgombero in corso entro la scadenza del 6 dicembre e a mantenere un dialogo aperto e costruttivo sul percorso da fare”.

 Notizie da Sesto San Giovanni

In arrivo 300mila € per le scuole pubbliche e private.

Grazie all’impegno del Governo e delle scelte della Giunta Chittò, con l’allora assessore Roberta Perego, che come Amministrazione al Governo ha più volte chiesto attenzione per una città da sempre all'avanguardia per i servizi della prima infanzia, il Comune di Sesto San Giovanni riceverà 300 mila euro per le scuole pubbliche e private per i bimbi da 0 a 6 anni.
All’interno della legge sulla “Buona scuola” il Governo ha stanziato, per la prima volta nella storia italiana dopo il piano triennale nidi dell’allora Ministro Bindi, 209 milioni per l’anno 2017 per le scuole per i bimbi da 0 a 6 anni, che salgono a 224 nel 2018 e a 239 per il 2019. Di questi, più di 40 milioni sono destinati alla Lombardia che li ha ripartiti in questi giorni tra i Comuni, in relazione al numero dei bambini che frequentano queste scuole.
Al Comune di Sesto San Giovanni la Regione Lombardia, dato l’alto numero di bambini nei nostri nidi, ha riconosciuto una somma di 298.980 euro, 10.930 dei quali per le paritarie.
Sugli oltre 1.600 comuni lombardi, Sesto San Giovanni è risultato 10° per i contributi ricevuti, ma se prendiamo in considerazione i bambini che frequentano le strutture pubbliche, la nostra città con 4.317 piccoli risulta essere la quinta città in tutta la Lombardia. Superiamo in questa classifica anche capoluoghi di provincia come Pavia, Varese, Como, Cremona.
L’attuale Maggioranza di centro destra ha più volte fatto sapere che l’anno prossimo taglierà alcuni nidi o li esternalizzerà. Ma nei prossimi due anni in base alla legga sulla “Buona scuola”, se Sesto continuerà ad essere all’avanguardia nella politica verso i piccoli cittadini, riceverà una somma ancora più consistente della attuale.

Nicola Lombardo
Segretario Cittadino PD
Sesto S. Giovanni

 Notizie da Sesto San Giovanni

Non solo Business ma anche tanta SOLIDARIETA’

IVE ha raccolto l’invito di alcune Associazioni allo scopo di promuovere all’interno della Manifestazione non solo business ma anche Solidarietà attiva verso chi ha bisogno di azioni concrete di sostegno.
Con tale finalità sociale, IVE ha attivato due iniziative specifiche:
- ha messo a disposizione uno spazio dedicato a “Loris”. Loris nasce 8 anni fa e gli ultimi 5 anni e mezzo li ha passati tra ospedali e centri di riabilitazione. Loris, è affetto da MAV (malformazione arterovenosa), un piccolissimo vaso sanguigno che si forma dove non dovrebbe. Con il sostegno e il sacrificio della sua famiglia si divide tra cure costosissime e interventi di riabilitazione. IVE ha deciso di essergli vicino.
- ha messo a disposizione uno spazio dedicato anche alla Federazione Italiana Epilessie impegnata nel Progetto “La cura dell’epilessia inizia con la diagnosi”. Ogni anno in Italia vengono diagnosticati tra 29.500 e 32.500 nuovi casi di epilessia e con questo progetto sarà possibile acquisire una diagnosi molecolare certa e iniziare a trattare i pazienti con le terapie più appropriate - “su misura” - secondo le caratteristiche specifiche di ciascuno.

“Siamo particolarmente orgogliosi di presentare queste iniziative volta a sostenere questi due progetti, entrambi con particolare attenzione alle condizioni dei bambini”, dichiara la Direzione dell’Organizzazione.

“Quest’attenzione fa parte del DNA distintivo di tutti gli operatori del Mercato dello Svapo; costantemente essi sono sensibili e attenti alle importanti cause di solidarietà sociale che di volta in volta si presentano sul territorio locale o nazionale. Dentro questo solco s’inserisce il convinto sostegno che IVE, in collaborazione con gli Espositori e gli Operatori partecipanti, manifesta verso entrambi le iniziative. Siamo pertanto convinti che il nostro coinvolgimento in questi significativi progetti di elevato contenuto sociale aiuterà a sollecitare la generosità dei Visitatori attraverso i tradizionali canali di raccolta fondi, sia fisici durante la Manifestazione, che digitali, in seguito, contribuendo al successo dell’iniziativa”.

IVE Italian Vape Exhibition
Via L. Granelli 1
20099 – Sesto S. Giovanni
E-mail – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

The Italian Vape Exhibition -

 Notizie da Sesto San Giovanni

Solo una cinquantina di donne sfilano per Sesto " Sel - Pd - Rifondazione - Croce rossa " 

Libere di essere: a Sesto le piazze si riempiono di donne e uomini contro la violenza
Malgrado la pioggia e il freddo pungente, sabato 25 novembre le piazze e le strade di Sesto si sono riempite di tante donne e uomini di ogni età, cultura e provenienza per dire che la violenza sulle donne mette in questione la nostra democrazia, che sarà incompiuta fino a quando la metà del genere umano dovrà temere di essere picchiata, violentata e uccisa dall’altra metà.
Come Fabbrica della città siamo particolarmente orgogliose per aver lanciato e contribuito a realizzare questa bella giornata di lotta per i diritti, felici della grande partecipazione di cittadine e cittadini, associazioni, partiti politici e liste civiche del centrosinistra, che insieme hanno dato vita a un corteo punteggiato di rosso, colore simbolo della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, e ricco di musica, grazie al violino di Mariela Valota e alle canzoni di Michelangelo Giordano, e parole, con i readings di Opus Personae.

L’impegno della Fabbrica della Città è quello di lottare ogni giorno e in ogni ambito per la libertà delle donne, perché non ci siano più né vittime né violenza.

Via XX Settembre, 45
20099 Sesto San Giovanni (Mi)
Cod. Fisc. 97775940154
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Stiamo seguendo con interesse la vicenda degli sfratti alle associazioni di via Giardini e non solo.

E' una tematica importante per chi come noi ha subito decenni di ostracismo politico-culturale a Sesto, per questo siamo al fianco della Giunta Di Stefano e dell'assessore D'Amico in questa battaglia di Libertà e pluralismo culturale affinché altre culture possa avere luoghi e spazi fino ad oggi negati dalle precedenti amministrazioni di sinistra.
Non è più sostenibile quel modello "cubano" di concessioni amiche e quasi gratuite che il bilancio comunale non può sostenere.
Il Presidente cittadino MICHELE RUSSO:"Quando, la mattina del ballottaggio, confezionai la bandiera SESTO LIBERA, certo che avremmo vinto le elezioni, immaginai una frase che rendesse bene l'idea della città che il centrodestra avrebbe dovuto incarnare; Libera dalla cappa asfissiante di 72 anni di cultura e associazionismo a senso unico, tutto proteso a sventolare un antifascismo ormai fuori dal tempo che spesso serve solo a dare senso alle vite di arzilli 70enni che altro nella vita non saprebbero fare. E allora dice bene il nostro Sindaco, stiamo solo realizzando il programma elettorale che prevede una Libertà ed una pluralità culturale sconosciuta fino al 25 Giugno.
Ogni cultura deve poter aver sede a Sesto San Giovanni affinché possa tornare ad essere davvero una città Libera e oserei dire "normale".
FRATELLI D'ITALIA
Sesto San Giovanni

 Notizie da Sesto San Giovanni

Parte oggi la sperimentazione della nuova legge regionale sulle case popolari.

On line il bando per 50 alloggi l'assessore D'amico " Giornata importante, i nuovi criteri sono adeguati alle esigenze del territorioo."

Oggi inizia il percorso, in via sperimentale e limitato a solo tre ambiti in tutta la Lombardia, della nuova legge lombarda sui servizi abitativi pubblici. E' stato pubblicato oggi l'avviso pubblico sovracomunale sul sito del comune di Sesto San Giovanni, comune capofila del piano di zona Sesto San Giovanni-Cologno Monzese.
E' online il bando sperimentale per 50 alloggi di edilizia residenziale pubblica, nei comuni di Sesto San Giovanni e Cologno Monzese, con le nuove modalità e i nuovi criteri
La domanda potrà essere presentata online, mediante piattaforma informatica regionale SIAGE, a cui si accederà unicamente attraverso la carta regionale dei servizi o credenziali SPID. Per la compilazione dei documenti sono disponibili gli uffici con i relativi sportelli, negli orari indicati sul sito, dell'Agenzia Case e dell'Aler.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Adeguare al mercato immobiliare Sestese l'affitto degli immobili dati alle associazioni Sestesi  " il nuovo corso della giunta di Sesto ".

È di questi ultimi giorni la notizia dell'intimazione di sfratto che l'Amministrazione sta operando unilateralmente nei confronti di alcune Associazioni che hanno in affitto locali di proprietà del Comune.
Il PD sestese, attraverso i propri consiglieri comunali, sta acquisendo, dai destinatari che ci hanno contattato e dagli atti ufficiali, tutta la documentazione necessaria per far emergere la verità dei fatti. Da un parte infatti l'Amministrazione sostiene che le Associazioni occupino tali locali a contratto non più rinnovabile, e che paghino un canone di locazione non “adeguato” (adeguato a cosa? verrebbe da chiedere poi) così come già proclamato da subito dopo le elezioni sui media e sui social da sodali dell’attuale maggioranza. Dall'altra parte intendiamo verificare se tale iniziativa, come fortemente temiamo, è volta a danneggiare specifiche realtà che storicamente fanno della nostra città un esempio di impegno associativo al servizio della comunità, forse perché considerate non del tutto affini, se non addirittura incompatibili, nei loro valori e nell’alto impegno civico di cui sono protagoniste, ai valori - o meglio ai “disvalori”- che sono stati eretti a fondamento dei primi atti, tutt’altro che amministrativi, dei primi 100 giorni e oltre della Giunta Di Stefano.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Gianpaolo Pietra SestodemocraticaPer Art.UNO Mdp: " la memoria storica di una città passa dal non pagare gli affitti per le sedi "

L'amministrazione Di Stefano mentre con grande diffusione propagandistica fa sfoggio del suo "interesse" nei confronti delle associazioni cittadine e delle loro "esigenze" dall'altra invia lettere di sfratto con intimazione di sgombero entro pochi giorni a diverse associazioni che da anni, alcune da decenni, operano sul nostro territorio e sono protagoniste della vita della città; prosegue così l'operazione "tabula rasa" del Sindaco e dei suoi assessori impegnati più che a governare a cercare di cancellare con un colpo di spugna la storia e il carattere di Sesto San Giovanni.
Non è accettabile che la memoria, la storia, la cultura di una città da sempre protagonista della storia del Paese subiscano dal nuovo governo cittadino un attacco così violento e sfrontato; è necessaria un'ampia mobilitazione delle vere forze civiche che da sempre contribuiscono a rendere la nostra città una comunità ricca dove il pensiero, il confronto e gli occhi aperti sul mondo la rendono viva e partecipe della storia.
p.Art.UNO Mdp
Sesto San Giovanni
Giampaolo Pietra

Informazioni aggiuntive