Notizie da Sesto San Giovanni

Monumento al deportato Di Stefano: confermo la mia condanna ma non ci prestiamo a strumentalizzazioni.

In merito alla manifestazione di domenica l’amministrazione di Sesto San Giovanni ha deciso di non concedere il gonfalone in quanto il corteo è stato purtroppo strumentalizzato volontariamente in chiave politica. Nel momento in cui il volantino di invito all’evento pubblicizza in maniera ampia la presenza dell’onorevole Pd Fiano e l’adesione di Pd metropolitano, Pd Sesto San Giovanni, Articolo 1, Campo progressista, Pci, SinistraXMilano, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista e tante altre sigle di sinistra risulta chiaro che sia un corteo chiaramente di parte e politicizzato. Purtroppo la manifestazione è diventata un corteo di pubblicità per Fiano e la sua legge, con tutte le formazioni di sinistra pubblicizzate in maniera ampia e sconveniente. Un evento neutro o istituzionale, senza forzature di partito, sarebbe stato sicuramente meglio. Si ricorda inoltre che sul gesto vile al monumento al deportato la condanna dell’amministrazione comunale è stata forte, chiara e inequivocabile. Non dimentichiamo che il mio primo atto da Sindaco è stato commemorare due lavoratori sestesi, Luciano Migliorini e Pantaleo De Candia, perseguitati dai fascisti che hanno sacrificato la loro vita per rivendicare i diritti della libertà e della democrazia. L'amministrazione sarà sempre presente negli eventi istituzionali e di commemorazione ma non si presta a discutibili raduni di parte e pubblicità per esponenti o partiti di sinistra.

 Notizie da Sesto San Giovanni

L'amministrazione Sestese esce dalla rete READY e aderisce alla rete Comuni amici della famiglia.

Nulla di ciò che è umano mi è estraneo
Le ultime affermazione dell’assessore alle pari opportunità Angela Tittaferrante in merito al ritiro dell’adesione di Sesto alla rete Ready, rete delle Pubbliche Amministrazioni contro le discriminazioni di genere, dimostrano quanto l’attuale giunta non agisca in difesa dei diritti di tutte e tutti quanto invece in nome di un’idea confessionale e discriminatoria della comunità.

 Notizie da Sesto San Giovanni

L'albero caduto in via Bellini a Sesto San Giovanni.

Orazio La Corte storico esponende die Verdi di Sesto San Giovanni ex consigliere comunale spiega cosa è succeso in via bellini dove il vento di questi giorni ha sradicato un'albero adagiandosi sopra il tetto di una fiammante BMW e sul tetto di una casa.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Lettera aperta del presidente ANED al Sindaco di Sesto San Giovanni.

Gent.le Sig. Sindaco
Apprendiamo della sua assenza alla manifestazione di Domenica 8 ottobre al monumento al deportato del Parco Nord, come risposta al vile attentato dove sono state distrutte le teche dei lager di Auschwitz, Mauthausen, Ravensbrück, Gusen e Ebensee, contenenti le ceneri e le terre di quei luoghi d’orrore. Attentato che ha comportato anche la rimozione di diversi sassi provenienti dalle cave di Gusen e Mauthausen - luoghi di schiavitù e dolore che dove a migliaia sono morti. Anche Sestesi.
Apprendiamo anche che non solo mancherà Lei ma sarà assente anche il Gonfalone della città. Come lei saprà, signor Sindaco, appuntata sul Gonfalone c’è la Medaglia d’Oro conferita dallo Stato Italiano, nel 1971 per mano del primo ministro onorevole Giulio Andreotti.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Evento “Le Donne per le Donne” in collaborazione con la LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

Food, Drink, Fashion, Music and fun

Sabato 7 ottobre 2017 Ore 18:30 - 23:30 A Sesto San Giovanni in Piazza Petazzi www.cittadinidisesto.it

Quando si parla di Sfilate di moda si pensa sempre alle passerelle delle capitali del Fashion, a stilisti di fama mondiale, ai paparazzi e Top Model, mentre il nostro progetto è un evento e una sfilata che parli della nostra città, dei negozi che ne costituiscono la linfa vitale ed abbia un tema importante: sfileranno le DONNE PER LE DONNE per sostenere la CAMPAGNA NASTRO ROSA della LILT, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. Sfileranno persone semplici, donne che puoi incontrare per la nostra città, belle nella loro semplicità.
La serata inizierà dalle 18:30 con ricco apericena fino alle 19:30 con l’inizio della sfilata e Dj Set che accompagnerà le “donne di Sesto” lungo il Red Carpet in piazza Petazzi. Non mancheranno special guest come le bimbe che sfileranno per il negozio New Generation e i Chihuahua del negozio Mon Petit Boutique che indosseranno abiti da sera!
Finita la sfilata inizierà la somministrazione direttamente in piazza della cena gestita dalle attività commerciali di Via Dante e Piazza Petazzi: dagli antipasti ai primi, grigliata di carne, vari tipi di dolci e cocktail. Ad accompagnare la cena ci sarà la cover band di Ligabue “Fuoritempo” che scalderà il cuore ai cittadini in piazza.
La creazione dell’evento organizzato dall’Associazione Cittadini di Sesto” è stata possibile solo grazie all’adesione del 90% delle attività commerciali presenti in via Dante e Piazza Petazzi principalmente e grazie ad alcune attività commerciali limitrofe il centro storico in oggetto; oltre al prezioso supporto dei nostri main sponsor: Sesto Autoveicoli, Unione Artigiani e Radio Taxi Milano.
Inauguriamo ufficialmente un nuovo percorso di collaborazione con il “commercio di vicinato” coinvolgendo anche a livello creativo le singole attività presenti sul territorio.

Sesto c’è. Questo è il segnale. Associazione “Cittadini di Sesto” Alessandra Aiosa Sascha Hofmann Presidente L’organizzatore

 Notizie da Sesto San Giovanni

Settembre 2017 Riparte il cantiere di prolungamento M1

Il cantiere per il prolungamento della metropolitana MM1, dal capolinea SESTO FS Piazza 1° Maggio, è iniziato a luglio 2011 e doveva essere terminato e inaugurato per Expo 2015. E’ stato fermo per alcuni anni, in quanto sia la prima società che ha vinto l’appalto la società Coestra era fallita, sia la seconda che aveva preso il suo posto la società cooperativa Acmar che rischiava il fallimento e ha ottenuto il concordato preventivo. La ripresa del cantiere per il prolungamento della MM1, fino al nuovo capolinea che sarà alla Bettola frazione di Cinisello Balsamo, era stato annunciato in piena campagna elettorale di maggio 2017. Un incontro sotto il sole, al confine tra Sesto e Cinisello, per la ripresa del cantiere della metropolitana, presenti il sindaco di Milano e Città Metropolitana Beppe Sala , la collega di Sesto Monica Chittò, il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi e il sindaco di Monza Roberto Scannagatti, oltre che alcuni dirigenti della MM1 Dopo anni di fermo del cantiere, l’opera è stata riassegnata a luglio all’impresa De Sanctis, Costruzioni Spa di Roma, tra le prime 50 imprese del settore in Italia, che ha rilevato il cantiere dopo l’uscita precedente della società cooperativa Acmar che rischiava il fallimento e ha ottenuto il concordato preventivo in continuità, con il tribunale di Ravenna. Il primo giugno 2017 parte ufficialmente lo sgombero dei vecchi cantieri. A luglio ed agosto le attività sono proseguite a ritmo ridotto, a settembre sono stati sgomberati i materiali e le strutture dei vecchi cantieri, le baracche da cantiere, la gru, dei serbatoi e altri materiali. A settembre, hanno poi iniziato a mettere nuovi materiali sia per mettere in sicurezza i cantieri e per poter iniziare i nuovi lavori di costruzione. Per il momento non sono ancora partiti nessun lavoro. Speriamo che rispettino le promesse di riapertura del cantiere della MM1, rimasto chiuso diversi anni, nonostante altre promesse fatte più volte precedentemente, in un area circostante che è fortemente degradata, inoltre la copertura a livello stradale per meno di duecento di metri, ripristinerebbe il percorso verso Monza sul viale Gramsci e la viabilità precedente per l’accesso al ponte Michelangelo Buonarotti.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Daspo, SARDONE: a milano solo 18 allontanamenti contro i 110 di Sesto, paragone imbarazzante.

Dopo una mia interrogazione - commenta Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia a Milano - ho finalmente saputo, dall'assessorato alla sicurezza, il numero di allontanamenti fatti a Milano, in base al decreto Minniti. Dall’entrata in vigore del provvedimento, la Polizia Locale di Milano ha applicato il Decreto Minniti nei confronti di 18 cittadini per condotta limitante la libera accessibilità e fruizione delle infrastrutture di trasporto pubblico (vendita abusiva nei mezzanini) e per imbrattamento e/o danneggiamento. Ricordiamo che il decreto sulla sicurezza urbana è legge da aprile 2017. Quindi da aprile a ottobre sono stati fatti solo 18 allontanamenti in una città da 1.4 milioni di abitanti. Nella vicina Sesto San Giovanni, da quando si è insediato il centrodestra in Comune e cioè da luglio, sono stati fatti 110 allontanamenti in una città di soli 82mila abitanti. Il paragone è imbarazzante per Milano, soprattutto se pensiamo che a guidare la città è il Pd, lo stesso partito del Ministro Minniti. E' vergognoso non usare uno strumento creato per contrastare i fenomeni di delinquenza e degrado in città, tra l'altro considerando il successo dell'analoga iniziativa a Sesto dove gli allontanamenti sono un utile deterrente e trovano il favore dei cittadini. Evidentemente a Milano non c'è la volontà politica di contrastare tanti fenomeni, dai bivacchi al commercio abusivo, dalle carovane rom a situazioni legate a spaccio o abuso di alcool di cui i cittadini si lamentano quotidianamente. Chiedo al Sindaco Sala perchè sconfessa un ministro del suo partito in una maniera così plateale e perchè non si interessa dei problemi segnalati dai milanesi.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Conoscere la comunità Islamica e il progetto della Moschea

Continuano gli incontri pubblici organizzati in città dalla Lista Civica Giovani Sestesi. Ancora una volta e come promesso nelle precedenti edizioni al tavolo dei relatori sarà presente la comunità Islamica di Sesto San Giovanni con il suo Direttore. Abbiamo iniziato questo percorso anni fa, volevamo attraverso questi incontri pubblici conoscere la comunità Islamica Sestese, quali erano le attività che svolgevano sul territorio e conoscere il progetto della moschea/Centro Culturale Islamico dice Paolo Vino Segretario Politico della Lista Civica Giovani Sestesi.
Siamo contenti, che la Comunità Islamica di Sesto San Giovanni partecipi ad un nuovo incontro pubblico.
Per noi della Lista Civica Giovani Sestesi questo è un segnale molto importante, perché evidenzia la volontà di far parte del tessuto culturale, sociale e religioso della Città.
L’iniziativa della serata dal titolo “Conoscere il progetto della Moschea e la comunità Islamica” si svolgerà Mercoledì 11 Ottobre 2017 alle ore 21,00 presso la sala del Teatrino in VILLA DE PONTI.
Al tavolo dei relatori saranno presenti: Paolo Vino Segretario Politico della Lista Civica Giovani Sestesi, Abdullah Tchina Direttore del Centro Culturale Islamico. Coordinerà la serata il direttore responsabile del quotidiano online Dialogo News Franco Pontoriero.

Paolo Vino
Segretario Politico
Lista Civica Giovani Sestesi

Informazioni aggiuntive