Notizie da Sesto San Giovanni

Roberto Di Stefano FIDaspo Urbano raggiunti 500 ordini di allontanamento.

DASPO URBANO, A SESTO SG RAGGIUNTI I 500 ORDINI DI ALLONTANAMENTO. DI STEFANO "STRUMENTO PREZIOSO E APPREZZATO, SESTO MODELLO SULLA SICUREZZA URBANA"
In merito alla sicurezza urbana e al lavoro costante della Polizia Locale sul territorio l'amministrazione comunale di Sesto San Giovanni informa che sono stati raggiunti i 500 ordini di allontanamento (precisamente 501) da quando, poco dopo l'insediamento della nuova amministrazione, si decise di utilizzare i daspo urbani, approvati dal Parlamento pochi mesi prima, per contrastare fenomeni quali bivacchi, commercio abusivo di merce contraffatta o non regolare e altre situazioni che comportano degrado e insicurezza in città.
Nei primi 6 mesi di quest'anno sono stati eseguiti dalla Polizia Locale 127 ordini di allontanamento. Nel 2018 furono 205, nel 2017 169. Nel tempo sono cambiati anche i destinatari di questi provvedimenti. Inizialmente la Polizia Locale si concentrò in particolare sul commercio abusivo nei mezzanini delle metropolitane e nel contrasto ai bivacchi molesti intorno ai negozi, fenomeni nel tempo debellati o comunque ridotti. Ora l'attività si concentra maggiormente sui comportamenti vietati nei giardini, i fenomeni di ubriachezza molesta in città, i bivacchi con birra e altro davanti ai negozi e le vendite abusive merce per strada.
I destinatari di questi ordini sono di varie nazionalità, provengono per la maggior parte da Romania (soprattutto di etnia rom, 164 dal 2017), Nigeria (89), Bangladesh (57) Senegal (35), Perù (30). Il tasso di recidiva nei comportamenti scorretti è piuttosto basso e si attesta su un 10%, a dimostrazione che lo strumento è efficace dal punto di vista della deterrenza.
"Ormai Sesto San Giovanni rappresenta un comune simbolo sul lato della sicurezza - commenta l'assessore alla sicurezza Claudio D'Amico - avendo creato un sistema virtuoso e positivo di contrasto a determinati atti illeciti e avendo utilizzato la Polizia Locale finalmente non solo per fare multe. Grazie agli allontanamenti abbiamo risolto numerosi problemi sul territorio, chiudendo una fase di lassismo, buonismo e incapacità di intervenire sul territorio che aveva contraddistinto la precedente amministrazione di sinistra. Sesto San Giovanni è ora più tranquilla, i reati sono in calo come dimostrano tutte le statistiche. Questo importante lavoro dimostra che quando c'è la volontà politica si possono ottenere risultati egregi e visibili. Questi dati evidenziano anche una netta differenza rispetto a comuni vicini, come Milano, dove ancora sono alla fase di discussione su "Daspo sì, Daspo no" e sui limiti e ambiti in cui portare avanti questi provvedimenti. La sinistra continua a dimostrarsi poco incisiva e attenta sulle questioni di sicurezza urbana e degrado"
"Siamo molto soddisfatti del lavoro della Polizia Locale e del presidio costante sul territorio, particolarmente apprezzato dalla cittadinanza. In questi 2 anni - commenta Roberto Di Stefano, Sindaco di Sesto San Giovanni - siamo diventati un modello nazionale per l'utilizzo dei daspo, con risultati eccellenti nel contrasto a situazioni di insicurezza, degrado e commercio abusivo. Ho ricevuto nel tempo numerose richieste di collaborazione da altri sindaci, che mi han chiesto come replicare il nostro modello che nei numeri ha raggiunto cifre da record nazionale. La sinistra all'inizio ci accusò di una svolta repressiva e dell'utilizzo sbagliato della Polizia Locale in compiti sulla sicurezza, pur utilizzando uno strumento introdotto da loro stessi al governo. Ora dopo 2 anni leggo che comuni a guida Pd incominciano a utilizzarli o a valutarne l'estensione. Continueremo a utilizzare la Polizia Locale, che ringrazio, in queste attività vista la professionalità ed efficacia degli agenti, modulando nel tempo dove e come intervenire in base alle necessità."

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Di Stefano, sindaco senza Cuore

Se non venisse scambiata per una battuta politica, si potrebbe tranquillamente dire che il sindaco Di Stefano non ha “Sesto nel Cuore”.
Mentre la sua maggioranza perde i pezzi (Sesto nel Cuore è da poco fuggita spendendo parole pesantissime nei suoi confronti), il nostro sindaco dei Selfie ne ha combinata ancora una delle sue: ha messo all'asta la prima casa delle associazioni di via Giardini a Sesto San Giovanni (senza nemmeno prendersi la briga di avvertire i locatari) e promettendo di lasciare in strada sodalizi storici come Avis, Aned Auser, Freecamera, Cai, VentimilaLeghe, Maestri del Lavoro, Mutilati e Invalidi.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Caso " associazioni " Si dialoghi !!

Ancora una volta, dopo il caso della contestata lettera di sfratto, inviata, senza alcuna condivisione con la nostra forza politica, alle associazioni di Via Giardini, la Giunta crea i presupposti per alimentare un clima sempre più infuocato e divisivo in città con una parte del mondo associativo.
Divide et impera!
Stigmatizziamo e censuriamo, così come facemmo con le richiamate lettere di sfratto, il metodo adottato dalla Giunta ma ora si cerchino soluzioni concrete; facciamo si che le difficoltà diventino una opportunità, individuando dei locali, non strategici per l’Amministrazione, per offrire, non solo alle società coinvolte, ma a tutte le associazioni sprovviste o con difficoltà nel poter disporre di una sede, nuove occasioni di insediamento.
Inoltre Sesto Nel Cuore anche alla luce della nuova disciplina sulle nomine dei componenti delle Consulte imposte dalla Giunta, invita tutte le associazioni, le forze politiche e sociali sensibili ai valori e ai diritti del mondo dell’associazionismo, a promuovere, senza che alcuno primeggi, in maniera condivisa, forme democratiche per ottenere una nuova regolamentazione che ridia voce autonoma e libera a tutto il terzo settore.
Anche per questi motivi, non trovando negli ex alleati di maggioranza la condivisione su valori per noi fondamentali e irrinunciabili, abbiamo fatto scelte coraggiose anteponendo al potere e alle poltrone la nostra dignità e libertà di pensiero.
Sesto Nel Cuore

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Roberto Di Stefano FIAlienazioni beni comunali: " L'amministrazione incontrerà le varie associazioni per proporre sedi alternative "

ASSOCIAZIONI, COMUNE INCONTRERA’ LE VARIE REALTA’ PER SEDI ALTERNATIVE.
STUCCHEVOLE LA POLEMICA PD, UNICO RESPONSABILE DEI PROBLEMI ECONOMICI DEL COMUNE
“In merito alle polemiche riguardanti le associazioni con sede in Via Dei Giardini e l’asta sui locali che avverrà il 22 luglio, intendo rassicurare – comunica l’assessore ai servizi sociali Roberta Pizzochera - che nessuna associazione con sede in Via Dei Giardini dovrà uscire dagli immobili nell’immediato.
Ribadisco che a partire dai prossimi giorni saranno valutate con le associazioni le varie strade alternative per le nuove sedi.
Come già detto nell’assemblea straordinaria indetta nell’inverno 2018 io e il dirigente al demanio abbiamo spiegato a tutte le associazioni la decisione sofferta che l’amministrazione ha dovuto portare avanti, procedendo all’alienazione degli immobili di proprietà comunale a causa della drammatica situazione finanziaria dell’ente, dovuta alle note difficoltà di bilancio ereditate dalla precedente giunta Pd e certificate dalla Corte dei Conti.
Ricordo inoltre che nell’incontro plenario del 2018 alcune associazioni hanno chiesto un colloquio per trovare percorsi comuni per una nuova dislocazione delle sedi mentre altre realtà, pur consapevoli delle scelte del Comune, hanno fatto finta di nulla.
Trovo poco responsabile da parte di alcune associazioni il fatto che non comprendano quanto questa città sia stata devastata economicamente (e non solo) dalle precedenti amministrazioni.
Non c’è alcun accanimento e riconosciamo il valore storico di queste associazioni come per esempio Aned. Non viene messo in discussione il contributo culturale e valoriale apportato da Aned e altre realtà alla nostra città.
Allo stesso tempo però sono certa che il valore di un’associazione non dipenda dal prestigio di una sede in pieno centro (spesso con affitti piuttosto irrisori). Troveremo con tutti nuove collocazioni adatte agli scopi sociali delle varie realtà.
In merito invece alla strumentalizzazione politica, non sorprende la bassezza della polemica stucchevole del Pd. Per causa loro ci troviamo in questa situazione, essendo il Pd responsabile del disastro finanziario dell’ente. Inoltre gli ex amministratori Pd cadono dal pero come se non sapessero che questi immobili rientravano nel piano di alienazioni, portato in consiglio comunale mesi fa.
Insomma ci troviamo di fronte un Pd schizofrenico che prima crea enormi problemi alle casse comunali, anche elargendo sedi comunali a prezzi ridicoli e poi si lamenta se noi, per salvare l’ente dai loro gravissimi errori, siamo costretti a vendere il patrimonio di immobili del Comune.

“Dopo i risultati elettorali – commenta il Sindaco Roberto Di Stefano - che hanno visto un centrodestra fortissimo a Sesto San Giovanni con il 46%, il Pd cerca di risollevarsi usando i soliti metodi della negazione della realtà e delle fake news.
I responsabili dell’enorme buco di bilancio si lanciano in patetici appelli, sfruttando alcune realtà e associazioni storicamente amiche, di cui molti rappresentanti sono persino esponenti del Pd.
La verità è nota a tutti: il Pd ha creato un gravissimo buco di bilancio, condannato anche dalla Corte dei Conti. Per sanare la situazione abbiamo dovuto portare avanti un difficile piano di rientro che prevede anche la vendita di queste sedi comunali che negli anni erano state concesse a prezzi totalmente fuori dal mercato, con ripercussioni negative per le casse comunali.
Il Pd è responsabile di questa situazione e delle scelte fatte, la loro irresponsabile incapacità amministrativa ha portato a queste decisioni sul nostro patrimonio”

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Oltre la terra 50 anni dall’allunaggio e non solo

Simulazioni 3D in realtà virtuale, proiezioni immersive su grandi cupole geodetiche e planetario, modelli in scala di razzi vettori, tute spaziali e memorabilia raccontano l'allunaggio a 50 anni dallo storico sbarco sulla Luna.

4 – 28 LUGLIO 2019

SPAZIO MIL
Via Granelli 1 – Sesto San Giovanni (Milano)

Orari: domenica-giovedì dalle 15.00 alle 23.00 – venerdì e sabato dalle 16.20 alle 24.00
Ingresso unico 5 euro – Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Atto vandalico contro la sede di Articolo-UNO

La nostra sede di via Podgora ha subito nei giorni scorsi un atto vandalico, sono state spezzate le aste delle bandiere davanti all’insegna e sono state portate via le due bandiere esposte – una di Articolo UNO e l’altra del Partito Socialista Europeo -.
Inoltre sono stati applicati alcuni autoadesivi sull’insegna, uno dei quali di “Azione Antifascista Sesto”.
Difficile pensare che la sede di un partito antifascista venga attaccata da chi si proclama antifascista, certo è che questo attacco è avvenuto ed è inutile dire che è un attacco di tipico stampo fascista che naturalmente non intacca il nostro profondo e militante antifascismo e il nostro impegno in città soprattutto in questi giorni di attacco frontale da parte dell’Amministrazione al tessuto associativo del nostro territorio, questo chiunque siano gli autori del gesto.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

L'ANPI preoccupata per il futuro della sede.

Sorpresa e preoccupazione per la decisione dell’Amministrazione di mettere all’asta gli spazi pubblici di via dei Giardini affittati a diverse associazioni impegnate sul fronte della solidarietà che contribuiscono attraverso il lavoro di tanti volontari a rendere alla città servizi importanti e che svolgono una significativa opera di memoria attiva.
Nella convinzione che il tessuto associativo della nostra città che tanto ha dato alla sua storia costituisca un patrimonio indispensabile ci auguriamo che possa positivamente riprendere un dialogo propositivo tra l’Amministrazione e l’insieme del mondo associativo, per la nostra città, per il suo presente e per il suo futuro.
Anpi Sezione 340 Martiri Sesto San Giovanni Il Direttivo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Senatore Mirabelli PD: Il tribunale ha riconosciuto il diritto e il sostegno allo studio dei ragazzi disabili.

ragazziSESTO SAN GIOVANNI: MIRABELLI (PD), TRIBUNALE HA RICONOSCIUTO DIRITTO A SOSTEGNO PER RAGAZZI DISABILI
Sesto San Giovanni (MI), 22 giugno 2019 – “Questa mattina sono stato a Sesto San Giovanni, dove i genitori di ragazzi disabili festeggiano l’ordinanza del Tribunale di Monza che stabilisce che il Comune e il MIUR compiono un reato di discriminazione se fanno mancare il sostegno scolastico a quei ragazzi che ne hanno bisogno. Grazie all’impegno loro e della loro associazione si è ottenuto il riconoscimento di un diritto che evidentemente scontato non è almeno per gli amministratori sestesi”. Lo ha scritto su facebook il senatore Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato, eletto nel collegio di Sesto San Giovanni e presente questa mattina alla conferenza stampa dell’associazione dei genitori.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Informazioni aggiuntive