Notizie da Sesto San Giovanni

Apre la mostra "La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)"

Nel novembre del 1944 sbarcò a Taranto, tra le truppe destinate all'VIII armata inglese, una brigata di oltre 5000 uomini. Il loro vessillo recava un simbolo che tutti conoscevano: la stella gialla a sei punte del popolo ebraico. I soldati erano infatti tutti ebrei.

Lunedì 8 aprile alle 18.00, inaugura allo Spazio Contemporaneo "Carlo Talamucci" in Villa Visconti D'Aragona, via Dante 6, la mostra "La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)", un'occasione di confronto su un tema storico poco noto: la partecipazione di migliaia di soldati ebrei alla guerra contro il nazifascismo, con un approfondimento sulla Brigata Ebraica e sui corpi ausiliari in servizio nella campagna d'Italia.
L'esposizione rimarrà aperta fino al 14 aprile, dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 18.30, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 17.30.

Promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Sesto, la mostra è a cura di Stefano Scaletta, Cristina Bettin, Samuele Rocca dell'Associazione Centro Studi Nazionale Brigata Ebraica. Ha il patrocinio dell'ANPI di Milano e alla sua realizzazione hanno collaborato numerosi archivi: Israeli Defence Forces and Security Forces Archives, Jerusalem Central Zionist Archives, Hagana Historical Archive, Modi'in Intelligence Archive, Bricha Legacy Association.

Le scuole possono visitare l'esposizione dal martedì al venerdì dalle 10 alle 12.30, con visita guidata su appuntamento. Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0224968808-8809-8800-8823. Il percorso è particolarmente adatto alle classi III della secondaria inferiore e alle classi delle scuole superiori.

Nella cornice della mostra, inoltre, l'11 aprile alle 21, sempre allo Spazio Contemporaneo, è in programma la conferenza storica "Lottare per cambiare il destino: storia della Brigata ebraica". I relatori sono Andrea Bienati, docente di Storia e Didattica della Shoah e delle deportazioni, ISSR Milano, e Stefano Magni, giornalista, scrittore e studioso di Storia militare. Davide Romano, Direttore del Museo della Brigata Ebraica, modererà la conferenza.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Tre maestri si incontrano in bottega.

Archivio Giovanni Sacchi è un archivio di storie. Ci sono storie di bollitori che fischiano le note dei battelli del fiume Isar, caffettiere a forma di cupole, telefoni-grillo, cravatte di legno. Ci sono storie di disegni chinati, stampati, rimaneggiati con note e appunti, rivisti e poi approvati, mandati in produzione. Ci sono storie di mostre storiche in Italia e nel mondo, alla Triennale, al Museo Mediceo, al MoMa, in Giappone.
In questo Fuorisalone saranno con noi 3 protagonisti, che racconteranno la storia dell’aria che si respirava nella bottega di Giovanni Sacchi quando venivano prodotti i modelli in legno di tutti i più grandi Maestri del Design.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Mostra “In principio era la matita – Disegnare il progetto”

Archivio Giovanni Sacchi
Milano Città Metropolitana Via Granelli 1 – Sesto San Giovanni

da mercoledì 10 aprile a sabato 13 aprile

In occasione della Milano Design Week 2019 torna la mostra del Circuito lombardo Musei del Design. In questa seconda edizione ogni collezione è rappresentata da un disegno. I Musei del Design conservano infatti nei loro archivi uno straordinario patrimonio fatto di schizzi, disegni tecnici, prove d’autore, esecutivi, note e appunti visivi disegnati dai progettisti durante l’iter di realizzazione di un prodotto. In una fase in cui la digitalizzazione spinta della filiera produttiva del design rischia di far passare in secondo piano la qualità espressiva del segno grafico, questa mostra è dedicata alla mano dei progettisti.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Inizia un nuovo percorso per la giunta di destra sestese, consegnate le case popolari a cittadini sestesi utilizzando il nuovo bando comunale.

INIZIATA LA CONSEGNA NUOVI ALLOGGI POPOLARI IN BASE AL NUOVO BANDO
Sono stati consegnati ieri, a Sesto San Giovanni, 4 alloggi popolari di cui 2 di proprietà Aler in Via Carlo Marx e 2 di proprietà comunale in Via Campestre, assegnati in base alla graduatoria del recente 22° bando.
Nelle prossime settimane si procederà all'assegnazione di un'altra decina di case.
Gli appartamenti consegnati ieri, alla presenza dell'Assessore regionale alle politiche abitative Stefano Bolognini e del consigliere regionale Silvia Sardone, sono finiti a 4 nuclei di italiani in difficoltà: a una donna invalida con minori a carico, a una donna malata, a una famiglia con minori e a un nucleo familiare con una donna molto anziana.
"Continua il nostro impegno per aiutare le persone in difficoltà - commenta l'Assessore alla casa Claudio D'Amico - con un'attenzione particolare al rispetto delle norme e con costanti controlli sui richiedenti. Da quando ci siamo insediati c'è stata una svolta rispetto al passato. Su 39 alloggi consegnati 37 sono finiti a italiani e questo senza discriminare nessuno come avallato dal Tar in una recente sentenza in cui ha approvato il nostro operato, affermando che non agendo in questo modo avremmo discriminato gli italiani e gli stranieri in regola. Continueremo nella nostra azione di controllo costante dei documenti legati alla richiesta di alloggio per aiutare le persone veramente bisognose che vivono nel nostro territorio"
"E' stata un'emozione partecipare a questa consegna di alloggi - commenta il Sindaco Roberto Di Stefano - e vedere famiglie che aspettavano da anni con la gioia negli occhi. Rispettando la legge e attuando una verifica accurata delle richieste di alloggi tante persone bisognose vedono finalmente arrivare questo importante momento. Troppo spesso si dimentica che ci sono tanti nostri connazionali che, nel silenzio dei media, attendono in silenzio e rispettando le regole. Nei loro sorrisi e nella loro felicità ho visto la sorpresa di chi magari dopo anni di attesa nemmeno sperava più nell'assegnazione"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Mostra di CREPAX Storia del vecchio west

Giunge a conclusione la rassegna dedicata al fumetto SEGNI 2019. Disegni, immagini, emozioni,curata da Cristoforo Moretti, ingegnere e appassionato cultore di fumetti e graphic novel, e organizzata in collaborazione con la Biblioteca di Sesto San Giovanni.
Mercoledì 3 aprile alle ore 18.00 nella Sala degli Affreschi della Biblioteca “Pietro Lincoln Cadioli”,verrà inaugurata la mostra: CREPAX - STORIE DEL VECCHIO WEST. 30 disegni da RAI Fort Alamo, la trasmissione che nel 1967 raccontava ai ragazzi le storie dei più famosi personaggi del West.
Disegni originali, riproduzioni d’epoca, cowboys e indiani, copertine di libri e di dischi. Un tuffo nellaTv dei Ragazzi, nell’epopea di Pecos Bill e nel lavoro di Guido Crepax, uno dei più grandi maestri di sempre, saranno raccontati all’inaugurazione, attraverso gli aneddoti di protagonisti e ospiti speciali: i figli del grande disegnatore Guido Crepax , Antonio e Caterina Crepax, il cantautore Ricky Gianco e i curatori della mostra Luca Crovi e Cristoforo Moretti.
"Siamo orgogliosi di questa rassegna dedicata al fumetto e alla sua storia - commenta Alessandra Magro, assessore alla cultura - che ha unito grandi e più piccoli. Chiudere con Crepax aggiunge ancora più valore a un'iniziativa di grande impatto culturale. Continueremo a proporre eventi e mostre che siano in grado di intercettare un pubblico vasto"
La mostra è organizzata in collaborazione con l'Archivio CREPAX.L’ingresso è libero e gratuito.
La mostra rimarrà aperta fino al 13 aprile 2019.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Sestodistretto " Fuori dal Fuorisalone "

In occasione del Salone del Mobile di Milano, Sestodistretto propone da giovedì 11 a sabato 13 aprile "Fuori dal Fuorisalone", una tre giorni di mostre, elaborati, oggetti e divertimento legate al tema dell'industrial design.

Nella cornice dello Spazio MIL di via Granelli 1, durante le tre giornate sarà possibile vedere (dalle 10.00 alle 22.00 con orario continuato e ingresso libero):

-> Le 13 sedie di Leonardo: la mostra reinterpreta un'opera d'arte emblematica, "L'ultima cena" di Leonardo da Vinci, provando per una volta a guardare "oltre" quella scena tante volte rappresentata. 13 giovani designer sono stati invitati ad intuire, e a tratteggiare con il dovuto rispetto, le 13 sedie che accoglievano gli apostoli e Gesù, dando la loro rappresentazione per quelle sedute così simboliche. 13 artigiani hanno poi reso concrete le loro idee.

-> Car design: in mostra alcune vetture, esempi di come il disegno applicato all'industria abbia saputo generare icone della modernità. Il disegno dell'automobile e della motocicletta ha, da sempre, intercettato le tematiche della tecnica della produzione in serie, della ricerca della forma, coniugandole nel progetto e nella produzione di oggetti iconici della modernità.

-> Design a Sesto: una finestra aperta sulle scuole di design. In mostra 40 progetti degli studenti del laboratorio di sintesi in "product design" del Politecnico di Milano.

Tutti i giorni, dalle 18, Dj Set

"Siamo orgogliosi di presentare questa serie di iniziative a Sesto San Giovanni - commenta l'assessore al marketing territoriale Maurizio Torresani - in occasione del Salone del Mobile. Abbiamo fortemente voluto questo evento nel periodo del FuoriSalone per garantire al nostro territorio una rilevanza non solo locale ma capace di attrarre visitatori da altre città. La collaborazione con enti e partner ha consentito di offrire 3 importanti mostre, all'interno dello Spazio MIL, in grado di avvicinare appassionati e curiosi interessati alle nuove tendenze del design"

L'evento è patrocinato dal Consiglio Regionale della Lombardia ed è stato reso possibile grazie alla collaborazione di Politecnico di Milano, Confartigianato Milano Monza & Brianza, Magni&Carnevale Motors, La Repubblica del Design e il contributo di Confcommercio, Peduzzi e McDonald's.

In allegato foto della conferenza stampa di oggi, locandina e pieghevole dell'evento

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Le regole, come aiutare i bambini a crescere in modo autonomo

troppe? troppo poche? chiare? adeguate? comprensibili? condivise? ma soprattutto quali e perché?
LE REGOLE !
Lorella Boccalini, dal 2000 collaboratrice del CPP di Milano e co-autrice del testo “Il metodo Montessori per tutti”, ci aiuta a districarci nel complesso percorso della crescita dei bambini...perché autonomia non fa rima con anarchia.

Siete tutti invitati per una serata davvero importante. Appuntamento Mercoledì 10 Aprile, ore 20.30, Sesto San Giovanni - Casa delle Associazioni e del Volontariato. Contributo di 10 euro.

Vi aspettiamo!!!
Mario Valle
Presidente Montessori Scuola Pubblica

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 Notizie da Sesto San Giovanni

Bilancio di previsione colpiti commercianti e cittadini.

L’approvazione in Consiglio Comunale del bilancio di previsione, il secondo dell’amministrazione Di Stefano, avrà delle ricadute pesantissime su tutti i cittadini; in particolare i più colpiti saranno i meno abbienti e i commercianti.

Il Sindaco decide di aumentare le tasse

-con l’aliquota IRPEF che scatta al massimo e l'abbassamento della soglia di esenzione;

-in rialzo anche la tariffa della mensa, con aumenti fino al 90% per le fasce ISEE più basse;

-salgono pure la TOSAP, la tassa sulla pubblicità la tassa di soggiorno e la TARI (la tassa sui rifiuti) aumento, quest'ultimo, che toccherà tutti quanti.

Un aumento della pressione fiscale che avrà ricadute pesantissime sui contesti più critici in città e sul commercio di vicinato, che invece di ricevere uno stimolo positivo da parte dell’amministrazione verrà ostacolato.

Il Partito Democratico per cercare di risolvere qualche nodo più critico ha proposto 2 ordini del giorno: uno che proponeva di inserire clausole sociali a tutela dei lavoratori nelle future gare di appalto per i servizi, rigettato; ed il secondo, che proponeva di abbassare le TASSE ai commercianti a partire dal 2020.
Roberto Di Stefano ha rigettato anche quest’ultimo dicendosi d’accordo ma disposto ad accettarlo solamente se il PD avesse dichiarato che la colpa degli aumenti delle tasse era sua.

Questo è Roberto Di Stefano: un Sindaco a cui non importa della città (dove tra l'altro NON vive) e che aumenta per scelta tutta la fiscalità, per poi cercare rifugio dando le colpe all’opposizione.
Un Sindaco debole perché incapace di assumersi le proprie responsabilità politiche, sempre alla ricerca di capri espiatori e foglie di fico.

Nicola Lombardo
Segretario Cittadino Partito Democratico

Roberta Perego
Capogruppo PD Consiglio Comunale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Informazioni aggiuntive