Finalmente dopo oltre 2 anni di discussione, lunedi 19-03-2018, si è iniziato a discutere in Consiglio il testo dello Statuto Comunale ma la maggioranza ha deciso che non avrebbe accettato NESSUN emendamento al testo presentato adducendo pretesti formali.
Il M5S ha comunque presentato gli emendamenti per introdurre nello Statuto le regole della Carta di Avviso Pubblico (ovvero il codice etico con le norme anticorruzione, conflitto di interessi, trasparenza ecc..), il referendum tra i cittadini su temi sostanziali e senza Quorum, il bilancio partecipato, l’acqua pubblica, la sussidiarietà, il riconoscimento di beni comuni a suolo, aria, e acqua per non dilapidare il patrimonio ambientale, ecc…
Il PD di Cinisello Balsamo non ha imparato nulla dalla sconfitta al Referendum Costituzionale del 4 Dicembre 2016 ed ha iniziato a bocciare gli emendamenti del M5S imponendo quindi un testo da burocrati e accettato solo dalla maggioranza.
L’assurdo di questo comportamento è che hanno respinto l’emendamento M5S sulla Carta di Avviso Pubblico che lo stesso Consiglio aveva adottato all’unanimità nel Novembre 2014 ovvero hanno rinnegato se stessi !!
Qualcuno della maggioranza ha forse qualche problema sui conflitti di interessi ??
Hanno respinto gli emendamenti M5S sulla sussidiarietà (che è prevista nell’Art. 118 della Costituzione) sulla difesa dell’ambiente, sull’acqua pubblica (approvato dal Referendum del 2011), ecc…
La discussione sullo Statuto non è terminata ma continuerà nei prossimi Consigli comunali del 5 e 9 Aprile e assisteremo alla commedia dell’assurdo dove il Partito Democratico e i partiti di sinistra che compongono la maggioranza, bocceranno tutti gli emendamenti del M5S su temi di buona politica e qualità della vita.

I Consiglieri Comunali del “Movimento 5 Stelle ”Giancarlo Dalla Costa Luigi Andrea Vavassori

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Informazioni aggiuntive