Notizie dal Nord Milano

Sviluppo dell’area post Expo BORGHETTI (PD): per Mind serve un Piano Territoriale d’Area

Domani, 6 luglio, presso l’area che ha ospitato Expo 2015, la Regione Lombardia ha organizzato, su iniziativa del sottosegretario Fabio Altitonante, l’evento “Cantieri aperti: i comuni della Città Metropolitana di Milano incontrano Mind”. All’iniziativa interverranno il Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana e il presidente della Fondazione Triulza, Massimo Minelli. Alla giornata parteciperanno anche il presidente di Arexpo Giovanni Azzone, l’amministratore delegato Giuseppe Bonomi, e Andrea Ruckstuhl, capo della Lendlease, la società che sviluppa e attua il progetto.
Sul tema interviene il Vice Presidente del Consiglio Regionale Carlo Borghetti: “Per il progetto Mind, il parco scientifico e tecnologico di Milano Innovation District, che domani sarà illustrato ai sindaci della Città Metropolitana, è necessario prevedere un Piano Territoriale Regionale d’Area, come fu fatto per altre infrastrutture di interesse regionale come, ad esempio, per l’aeroporto di Malpensa nel 1999. E’ necessario mettere a sistema le molte previsioni di sviluppo urbanistico e infrastrutturale già in campo, con il coordinamento di Regione Lombardia, insieme a Città Metropolitana, ai comuni interessati e a tutti i soggetti protagonisti del progetto, a partire da Human Technopole, e dall’Università degli Studi di Milano. Questo strumento urbanistico, il PTRA, è a suo modo innovativo, costruito secondo una logica che prevede la partecipazione attiva e continuativa di tutti i soggetti presenti sul territorio durante tutte le fasi di elaborazione del piano, per la condivisione di strategie, obiettivi e azioni.
Per l’area di Mind occorre, infatti, prevedere una serie di azioni fondamentali: un potenziamento del trasporto pubblico, con lo sviluppo delle linee bus e ferroviarie; l’ampliamento del parcheggio di interscambio di Rho-Fiera FS MM a servizio dell’area nord ovest Milano; la realizzazione di una nuova stazione del passante in zona Stephenson – Cascina Merlata; il collegamento tramite passerella della fermata MM Molino Dorino con l’abitato di Pero e il prolungamento di MM fino a Settimo Milanese e Cesano Boscone.
Mind deve, infatti, essere integrato con il tessuto urbano esistente, per fare in modo che l’intero progetto si sviluppi al meglio e sia effettivamente un volano per il territorio”.
“Su queste basi – conclude Borghetti-, garantisco il mio impegno fattivo in Regione, affinchè nei prossimi anni si raggiungano questi obiettivi fondamentali”.

Informazioni aggiuntive