Notizie da Sesto San Giovanni

Sesto rinuncia a finanziamenti per 100.000 euro perché non sa spenderli Il fallimento del sindaco Di Stefano ora è sotto gli occhi di tutti

Se c'era ancora qualche dubbio sull'incapacità dell'amministrazione comunale di Roberto Di Stefano a gestire la città, sono definitivamente caduti in questi ultimi giorni d'estate: con una delibera del 4 settembre scorso la giunta all'unanimità ha rinunciato a un finanziamento da 100.000 euro del bando del governo “Multiazione FAMI 2014/2020” per sostenere percorsi di integrazione dei cittadini.
Dal punto di vista amministrativo, si tratta dell'ennesima dimostrazione di capacità amministrativa. Dal punto di vista politico si tratta di un nuovo passo falso che va nella direzione di peggiorare la qualità della vita e i conflitti nella città. Un vero capolavoro di incapacità e presunzione.
Quei soldi dovevano servire a pagare servizi di inserimento e di integrazione dei cittadini stranieri che già vivono a Sesto San Giovanni. Dovevano servire a ridurre le distanze e le differenze sociali per creare una società più equilibrata con gli stranieri che già vivono in questa città.
Lo stesso sindaco che dal giorno del suo insediamento, un anno e mezzo fa, lamenta la carenza di fondi e i danni lasciati dai predecessori, ancora una volta non è in grado di gestire i fondi che arrivano dallo Stato.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Bandi FAMI l'assessore Pizzochera: Puntiamo in una integrazione reale con scuole e formazione.

L'integrazione a Sesto San Giovanni è sicuramente una necessità - commenta l'assessore ai servizi sociali, Roberta Pizzochera - ma deve essere mirata e utile. A Giugno e Agosto abbiamo deliberato l'adesione ai bandi Fami 2018/2019 con progetti importanti per un'integrazione vera. In particolare abbiamo aderito a giugno a un bando che agirà nelle scuole e a favore dei bambini con un valore di 71 mila euro. Ad agosto invece abbiamo presentato un progetto dal valore di 65 mila euro che punterà agli adulti e alla formazione. Per quanto riguarda il bando del 2016/2017 puntava ad aree di azione esageratamente ristrette per bisogni superati all'interno del nostro territorio . Si trattava di un progetto francamente inutile e non più attuale, legato alla mediazione culturale per vecchi casi in carico all'osservatorio casa. I soldi pubblici non si sprecano. Non erano utilizzabili nè nelle scuole nè nella formazione e riguardavano un ambito che non ha più alcuna urgenza in città. Invece per i bandi Fami 2018 abbiamo già incontrato i dirigenti scolastici che si sono detti entusiasti. E' quindi totalmente scorretto accusare l'attuale amministrazione di non voler percorrere la strada dell'integrazione. Per noi integrazione significa equipaggiare i cittadini stranieri di strumenti utili per orientarsi e crescere in autonomia nel territorio che li accoglie.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Festa dello SPORT del VOLONTARIATO e SALUTE.

Sabato 22 e domenica 23 settembre in piazza Oldrini a Sesto San Giovanni arriva la Festa dello Sport, del Volontariato e della Salute.
Due giorni insieme alle associazioni con tante iniziative: laboratori, sport, giochi, esibizioni, prevenzione, volontariato, ballo e musica, in una festa che saluta l’estate e abbraccia l'autunno all'insegna del benessere.

Dalla a di arti marziali alla z di zumba, tante attività sportive si metteranno in mostra! Prove libere, tornei, dimostrazioni di yoga, scherma, danza, ginnastica artistica, minibasket, baskin, pattinaggio in linea, calcetto maschile e femminile, difesa personale, ciclismo e tanto altro.
Si saranno due giovani stelle dal mondo dello sport: Nif Brascia, campionessa mondiale di Kboxing-K1 e Edoardo De Rosa, campione europeo, medaglia d'oro a Glasgow j. 2018, specialità cavallo con maniglie.

 Notizie da Sesto San Giovanni

Di Stefano un sindaco per pochi

Incredibile! La giunta Di Stefano rinuncia ad un finanziamento di 100.000 euro ottenuto grazie alla partecipazione nel 2016 del Comune all'avviso pubblico Multi – azione FAMI 2014/2020 per percorsi di integrazione e mediazione culturale, per facilitare l'accesso ai cittadini stanieri ai servizi educativi. E' chiaro che questa amministrazione che piange sempre per la mancanza di fondi e di liquidità rinuncia ben volentieri a fondi che avrebbe dovuto destinare a quella parte della popolazione che invece vuole colpire e discriminare ed è il colmo che questo avvenga proprio nella città nella quale ha sede proprio l'Università di mediazione culturale.
Sempre di più questo Sindaco NON è il Sindaco di tutti i sestesi.
p. Art.UNO Mdp Sesto San Giovanni
Giampaolo Pietra

 Notizie da Sesto San Giovanni

Aumentano i posti nido a disposizione delle famiglie Sestesi:

"Come avevamo annunciato i posti nei nidi sestesi aumentano, evidenziando per l'ennesima volta l'attenzione di questa amministrazione al settore educativo. Per il 2018 i posti offerti dai 7 nidi comunali e tramite accreditamenti sono 436 (di cui 27 con accreditamenti). Nel 2017 e nel 2016 erano 428.
L'obiettivo che ci eravamo prefissati - commenta Roberta Pizzochera, assessore alle politiche educative - è stato raggiunto. E' un piano per la città che prevede ulteriori perfezionamenti nel 2019. In questi mesi ci siamo impegnati in tal senso per offrire alle famiglie della città una copertura sempre maggiore. Mi rammarico che nei mesi precedenti qualcuno, nelle forze di opposizione, avesse urlato alla bufala. Non mi aspetto certo delle scuse ma almeno una presa d'atto. I numeri sono sotto gli occhi di tutti e il Comune, sotto questa amministrazione, si sta distinguendo per l'offerta sui nidi e sugli spazi per le famiglie. Continueremo con dedizione a lavorare per garantire servizi adeguati alle necessità dei sestesi"
"Per l'ennesima volta di fronte alle bugie della sinistra e di comitati di parte - commenta il Sindaco Roberto Di Stefano - rispondiamo con i fatti. A noi interessa esclusivamente rispondere alle esigenze delle famiglie sestesi, allargando la platea dei posti disponibili ai nidi e cercando di offrire un servizio di qualità. Le polemiche le lasciamo a chi "brontola" per ragioni politiche negando la realtà"

Informazioni aggiuntive