Notizie dal Nord Milano

Regione Lombardia
“Flash-mob” della Lega contro l’art. 35 dello Sblocca Italia. “Pase: Basta fare gli ecologisti con gli inceneritori degli altri”.

Milano, 17 dicembre. Un deciso no da parte della Lega all’art 35 del Decreto Sblocca Italia. Lo hanno espresso ancora una volta oggi i consiglieri regionali del Gruppo Lega attraverso una manifestazione a cui hanno preso parte anche l’on Elena Lucchini e l’on Alessandro Morelli.
“L’art 35 del così detto Decreto Sblocca-Italia - spiega il consigliere regionale Riccardo Pase, Presidente della Commissione Ambiente al Pirellone - ha reso ancora più difficile lo stoccaggio e la successiva valorizzazione dei rifiuti lombardi. Un articolo che contrasta nettamente con il principio di autosufficienza nella gestione del ciclo dei rifiuti perché consente a questi ultimi una libera circolazione all’interno del Paese. Di conseguenza, le Regioni che attuano prevalentemente azioni di carattere emergenziale e non strutturale, vengono deresponsabilizzate e continuano a spendere ingenti risorse pubbliche senza affrontare il problema alla radice”.

 Notizie dal Nord Milano

RHO-GALLARATE: Bussolati e Astuti PD è possibile che la regione non abbia visto il progetto definitivo ?

Abbiamo chiesto alla Regione di visionare il progetto definitivo del potenziamento della Rho-Gallarate, quello approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici a inizio anno, e ci è stato risposto dagli uffici che non l'hanno mai ricevuto. In Regione il progetto, con le modifiche chieste dall'organismo ancora nel 2014 e ottenute pochi mesi fa, non c'è e non è stato analizzato. Ora leggiamo che il comitato Rho Parabiago l'ha visionato ed esaminato e ne parlerà in un incontro pubblico. Forse il comitato è più motivato della stessa Regione a conoscere i dettagli del progetto? Questo episodio dimostra ancora una volta che Palazzo Lombardia non considera il potenziamento della Rho Gallarate, pur con tutte le osservazioni del territorio, come una vera priorità.
Lo dichiarano i consiglieri regionali del Pd Pietro Bussolati e Samuele Astuti.

 Notizie dal Nord Milano

Dati impressionanti sul gioco d'azzardo Borghetti PD va rivisto il sistema delle concessioni.

Sono stati presentati in Consiglio Regionale i risultati della ricerca a cura dell’Università degli studi di Milano sui costi sociali del gioco d’azzardo problematico.
"I dati presenti oggi a Palazzo Pirelli confermano la dimensione e la gravità del fenomeno del gioco d’azzardo patologico e problematico –dichiara il Vicepresidente del Consiglio Regionale, Carlo Borghetti, che insieme agli altri membri del Comitato paritetico di valutazione e controllo ha promosso questa rilevazione–. In Italia nel 2017 si sono spesi più di 100 miliardi di euro nei giochi d’azzardo, una cifra enorme, con un aumento del 6% rispetto al 2016 e addirittura del 142% se si prende il 2007. Con una spesa pro-capite, tra i cittadini con più di 18 anni, di 1.697 euro.

 Notizie dal Nord Milano

UE, EVI (M5S): I cittadini meritano trasparenza.

“Conflitti di interesse, scarsa trasparenza, porte girevoli, attività di lobby senza controlli efficaci, decisioni prese a porte chiuse, sono solo alcuni dei problemi che questa Europa continua a non voler affrontare concretamente, aumentando quel senso di sfiducia nei suoi confronti e, di conseguenza, il divario tra cittadini e istituzioni.” dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del MoVimento 5 Stelle e relatrice del Rapporto annuale sulle attività della Mediatrice europea Emily O’Reilly del 2017.

 Notizie dal Nord Milano

A Bruxelles presentata la eHighway italiana, un progetto verso le zero emissioni, obiettivo della UE

Solo qualche giorno fa è stato presentato a Bruxelles un documento strategico da parte del vicepresidente dell'esecutivo comunitario all'Unione dell'energia Maros Sefcovic e del commissario al clima Miguel Arias Canete, che vede l’UE in posizione di leadership globale sulla lotta al cambiamento climatico, partendo dalla realizzazione degli accordi di Parigi. L’obiettivo ambizioso è quello di avere un’Europa a impatto zero sul clima entro il 2050, raggiungendo il livello di zero emissioni nette a effetto serra. Il documento prevede una combinazione di tanti elementi di intervento congiunti quali mobilità alternativa, rinnovabili, economia circolare, efficienza energetica, biocarburanti, idrogeno ed e-carburanti, con il coinvolgimento del settore dei trasporti, agricolo e forestale, così da riuscire a raggiungere una compensazione totale della CO2 prodotta.

Informazioni aggiuntive